Cavi delle cuffie aggrovigliati: non è (solo) colpa tua

Foto 12-06-16, 07 15 03

Perché i fili, tipicamente quelli degli auricolari, tendono ad attorcigliarsi? Recenti studi, svolti dai fisici Dorian M. Raymer e Douglas E. Smith, hanno sviscerato il fenomeno dell’avviluppamento dei cavi delle EarPods, gli auricolari che Apple fornisce in dotazione con iPhone e iPod.

La spiegazione scientifica è sintetizzata in questo grafico:

recenti_studi_cavi_aggrovigliati

I nodi degli auricolari sono dovuti alla lunghezza del filo e alla quantità di “agitazione” a cui sono sottoposti. Questi fattori, combinati insieme, permettono di descrivere un andamento statistico rappresentato da una curva. Un cavo di lunghezza inferiore ai 46 centimetri non si aggroviglierà. Se i cavi sono lunghi tra i 46 e 150 centimetri (quelli Apple sono di 139 centimetri), messi in una scatola rotante, aumenta di molto la possibilità che ne escano con un nodo. Se il cavo supera i 150 centimetri, la possibilità che si formi un nodo è del 50%.

I ricercatori, che hanno fatto 3.415 prove prima di pronunciarsi, hanno quindi dimostrato che dei cavi non è dovuto esclusivamente all’imperizia da parte dell’utente. Che comunque influisce